Startup in Toscana, identikit delle imprese innovative

startup-innovative-identikit-italia
Startup innovative Toscane anno 2015-16: in quale situazione si trovano rispetto alle altre regioni italiane? Mentre Firenze, tra le provincie, in quale posizione imperversa della classifica nazionale che conta chi ha più startup?

In questo post abbiamo due fonti importanti per stabilire la situazione in Toscana delle Start Up. Un report, 'Relazione annuale startup e PMI innovative 2016' realizzato e fornito dal Mise con un articolo - 'Imprese toscane nel 2015 crescono le startup innovative' - pubblicato sul blog della Regione Toscana. Lo abbiamo messo a contrasto con la relazione annuale per fargli la radiografia e carpirne lo stato di salute. E non è una metafora quest'ultima perché si parla di nascita, sopravvivenza e persino di morte delle stesse. Difatti questa terminologia è di uso comune nel settore e sta ad indicare il ciclo di vita di una startup.

Startup Toscane, cosa è cambiato nel corso di 2 anni?


Inizio scoppiettante a parte questo raffronto nasce anche da un'esigenza pratica di non avere ancora nessuna pubblicazione che riguardi la situazione Toscana e che sia più recente rispetto all'anno 2015. Tuttavia la situazione a cui rimanda la Regione Toscana nel rispettivo anno è di una crescita contenuta ma comunque superiore rispetto alla media nazionale delle startup. Mentre Firenze e Prato vedevano una crescita delle unità attive, Arezzo osserva una diminuzione sensibile.

Mentre la media nazionale si attestava intorno al 39% la Toscana vedeva un incremento fino al 41%.


Startup toscane, cosa cambia: classifica tra il 2015/2016?

Startup-Innovative-regione-toscana-anno-2015
Come si evince dal confronto che emerge dai report grafici la Toscana permane al 7° posto della classifica delle regioni che hanno il più alto numero di startup che nel 2015 si attesta alla fine del 4° semestre 2015 a 302 imprese startup innovative (il 6% delle startup presenti in Italia). Nel 2016 vi è un calo dal 5,9% del 2016 al 5,6% pur mantenendo il posto nella classifica, un calo ponderale che però ha riguardato altre regioni, quali la Lombardia passata da un 21,8% ad un 21,7, il Piemonte da 6,9% a 6,5%, la Sicilia da 4,8% a 4,6% e quindi non ha riguardato solo la Toscana in particolare. Per contro alcune regioni sono cresciute anche sensibilmente mentre altre sono rimaste allo stesso livello quantitativo. Cito la Lombardia che resta in prima posizione a titolo di esempio per le realtà rimaste pressapoco immutate con un 21,8% passato ad un semi invariato 21,7% ed il Veneto inossidabile sul 7,5%. Invece Emilia Romagna, Campania crescono. Per esemplificare ho spezzato la classifica in tre parti - sono presenti 20 regioni in totale - e preso in analisi la prima parte dal 1° posto al 8° occupato dalla regione Sicilia.


startup-innovative-anno-2016-italia

Per quanto la classifica resti immutata sino al 7° posto nelle prime posizioni dopo le variazioni percentuali che seguono fanno riscontrare i primi cambiamenti della classifica avvenuti tra l'anno 2015 ed il 2016 dove le Marche hanno superato la Sicilia, l'Abruzzo la Calabria. La Valle d'Aosta ed il Molise stazionano rispettivamente all'ultimo ed al penultimo posto con li stessi identici valori percentuali.

Quali ambiti sono prediletti dalle startup toscane?


L'Ufficio regionale di Statistica nel rapporto statistico 'Le startup nel contesto dell'imprenditoria toscana' traccia per la prima volta un quadro approfondito sulle startup innovative sulla base delle informazioni dei registri delle Camere di Commercio registrandone così la struttura, i modelli ed il movimento dell'imprenditoria toscana nel 2015.

Difficoltà riscontrate?

L'Artigianato è il settore che più risente delle difficoltà nella crescita sin dal 2009. In calo anche l'industria tessile in cui le startup diminuiscono. Ancora le imprese individuali sono in crescita quando straniere mentre le italiane si riducono di numero.

La fotografia delle startup nelle provincie italiane, quale è?


E' evidente che noi toscani siamo affezionati al settimo posto, la cabala non riserba sorprese. Difatti Firenze staziona nella medesima postazione in cui si pone la Toscana nella classifica regionale. Sulla base della distribuzione provinciale delle startup innovative italiane, Milano risulta essere la provincia in cui è localizzato il maggior numero di realtà con 875 imprese, pari al 14,7% del totale.

startup-innovative-province-italiane-2016




Seguono nella classifica Roma al secondo posto con 519 (8,7%), Torino 291 (4,9%), Napoli 190 (3,2%) e Bologna 178 (3,0%) mentre 13 province si attestano ormai stabilmente oltre quota 100.


CONCLUSIONI
Una istantanea, questa, - in attesa della prossima pubblicazione da parte della Regione Toscana sull'anno 2016 sul blog ufficiale - da considerarsi senz'altro positiva che vede la Toscana con un aumento delle startup già del 41% nel 2015 e Firenze tra le province d'Italia che ne conta di più e quindi non si può certo definire fanalino di coda.

Non ci resta che continuare su questa strada quella dell'impegno e della perseveranza in visione di una crescita futura che avrà luogo senza ombra di dubbio alcuno.


Crediti Foto: 1