Come fare CONTENT MARKETING di qualità: 4 aspetti IMPORTANTISSIMI

Qualcosa è cambiato

blogging blogger blog

Blogger afflitto da manie ossessivo-compulsive dal carattere burbero e scontroso nonché misantropo dopo un'apparente crisi creativa incontra dei colleghi che gli cambiano la vita..

..se non fosse che somiglia così tanto alla trama di un film avrei di che deprimermi.

In questo periodo di inattività lontano dal blogging devo ammettere di essere rimasto attonito dinanzi a quel fenomeno tanto noto quanto decantato come:

effetto solidarietà tra blogger
. 😀

Altrimenti traducibile in una vera e propria sindrome-morbo che si attacca per osmosi ove se non scrivi tu non lo fanno neanche gli altri, molto, molto commovente.

Ed io che pensavo di tornare più ispirato di prima... 😕

Mi immaginavo un ritorno sulla scena difficoltoso, di avvertire una sorta di arenamento produttivo insomma di confrontarmi con una realtà talmente mutata da risultare quasi irriconoscibile.

Eppoi chissà quanti contenuti da cui trarre appunto, lo ripeto di nuovo al limite della cacofonia: ispirazione.


Un morbo che in Italia affligge 11 blogger su 10


E invece la storia degli improvvisi slanci creativi pare essere solo un mito che fulmina per converso - ovviamente sempre a causa del forte senso di solidarietà presente nella categoria - quei blogger che quando scrivevi lo facevano anche loro.

Studi scientifici avvalorati dalla teoria dei neuroni a specchio affermano che molti blogger non copiano ma emulano scrivendo gli stessi post mossi da una pulsione inconscia poiché li riconoscono come propri.
Questo perché li giudicano erroneamente appartenenti alla loro sfera contenutistica che avvertono e confondono come propria in virtù delle analoghe categorie di trattazione tematica.
Diciamo che come i tori quando si imbattono in uno o più contenuti che gli comodano vedono rosso e gli si annebbia il cervello.

Secondo statistiche, sempre attendibili, si parla poi di transfert il quale li porterebbe a convincersi di essere addirittura quelli che creano e non viceversa quelli che fottono.

Già una roba da autentici psicopatici che trova spesso la sua soluzione in quella frase tipica che usano quando beccati come per giustificarsi: "Suvvia ci occupiamo di cose simili, è normale che prima o poi si facciano pezzi simili"

Certo come no 😲 stessi titoli, date di pubblicazione rigorosamente successive, medesime idee, tali e quali strategie di pianificazione del calendario editoriale, persino uguali partner professionali scelti e contattati ad hoc immediatamente dopo il termine del rapporto collaborativo. E l'elenco delle nefandezze non termina qui..

Poi d'improvviso il nulla, ma come, dov'è finita cotanta iniziativa volta alla creatività?

Forse va ancora cercandola.

Già nella sua mente di psicopatico, mediocre, saccente e buono a nulla se non a copiare.

D'altronde nella sua psiche contorta il problema siete voi che riconoscete come uguali temi che egli stesso avrebbe trattato ovviamente in esclusiva e quindi che sente come suoi.

E che anziché deporre al silenzio avete oltretutto osato denunciare, vergogna! 😧

Una cosa insomma in pieno stile mafioso, una sorta di pizzo che il blogger meno noto deve pagare a quello tra virgolette più conosciuto/ appoggiato.

O forse trattasi solo di una storia sfortunata, guarda caso, l'ennesima.

Quindi occhio a non finire nella sindrome di Stoccolma che affligge i blogger esordienti e quelli di sana e buona volontà e di non commettere l'insano errore di fare come la consueta scimmietta: 🙈🙉🙊

Costoro non sono blogger ma papponi di contenuti, sfruttatori della peggior razza e specie.

Pena altrimenti confermare senza peraltro alcun diritto di replica il detto: "Morto un blogger se ne fa un altro".


Commenti

Posta un commento