Da blogger a zerbino il passo è breve

blogger blogging comunicazione copywriting

ERRORI ed orrori di COMUNICAZIONE, in questo post ti dico quali evitare per fare blogging autentico, quindi content marketing EFFICACE.

Ogni blogger ha un suo stile, fin qui tutto bene. O meglio ne ha uno se non hai letto altri blog oltre al suo. Dopodiché penserai che tutti si assomigliano un po'. Alcuni persino un po' troppo...

Inoltre, hai fatto caso che quasi tutti i blogger che fanno content marketing con il proprio blog per vendere i loro servizi presto diventano stucchevoli?

Mi spiego meglio. Presto assumono un tono di voce piacione  quel tanto da risultarti immediatamente riconoscibile alla voce: eccone un altro che mi vuole vendere qualcosa, sintonizzati come sono sul far udire alle vostre orecchie precisamente quello che desiderate sentire.


Non solo vendere ma svendersi


Persino io a periodi sono passato ad assurgere tale ruolo, quello del blogger accondiscendente. Una roba pietosa.

Ero così concentrato nel fare personal branding che con il tempo mi sono fatto della stessa materia viscida e bavosa di chi avvicinavo e di questo mi vergogno assai.

Ma è il passato e me lo lascio alle spalle, dopotutto l'ho fatto sempre mantenendo un filo, seppur sottile, di dignità. Almeno spero.

Non si tratta di fare outing, il mio fine era solo fare social networking poiché da sempre convinto che un gruppo di specialisti possa far valere la propria esperienza a vantaggio del nuovo che avanza.
Mentre il singolo alla lunga soccombe. Salvo eccezioni alla regola.

Le interviste erano pensate proprio per questo, e non di certo per fare l'arrampicatore professionale.


Come avviene la metamorfosi in blogger zerbino


Ecco, a mio avviso, questa è cattiva comunicazione. Diventare come gli altri vi vogliono nel blogging è pessima comunicazione.

Magari trattasi di personal branding, quello più esplicito, ma è pur sempre da blogger zerbinato.


www.aforismario.net


Da blogger zerbinato ad accattone il passo è breve


Arrivare ad un livello ignobile, a lisciare colleghi mediocri e proporre collaborazioni a soggetti che non meritano niente, questo è il vile percorso che vi attende.

Non più un blogger ma accattone di contenuti.

Un passaggio, un rischio, un errore che è bene non correre. Una bolla di speculazione utile solo a questi pseudo specialisti che se vi avvicinano hanno solo un obiettivo in mente:

prendere il vostro posto soffiandovi le competenze, peraltro non maturate personalmente.


Un'infamia anche per la professionalità e tutti il settore del blogging - copywriting.


Idem per chi avvicinate voi, a prescindere dalla notorietà, se non costruttivi vedono in voi solo una rivale, una minaccia al proprio status.

Due categorie = solo tempo perso.


CONCLUSIONI

Lasciamo queste losche figure a fare ciò che meglio gli compete, mendicare un lavoro o rubarlo e investiamo il tempo in ciò che abbiamo di più prezioso, il nostro talento barra competenze.

L'unica pianta che merita di essere innaffiata, fiorire, i cui frutti rigogliosi di essere messi a servizio degli altri.


Commenti

  1. Interessante, come argomento.
    Sai cosa penso? Che dipenda anche dalla persona: se uno è viscido dentro, e mira al solo piazzamento di qualcosa (prodotto o altro), si nota e si noterà anche se parla di acqua minerale. Se una persona non è viscida, il suo "piazzamento" non darà fastidio... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Secondo me alla lunga questa tecnica non paga. Se vuoi veramente emergere come blogger ti devi distinguere dalla massa (ormai tutti hanno un blog) e non allinearti, figuriamoci zerbinarti.

    Complimenti per il post, hai tirato fuori un argomento interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) GRAZIE Andrea! Peccato che siano ancora in molti a preferire la strada più breve per arrivare...

      Elimina
  3. Terribile, all'inizio è facile essere "intortato" in questo modo. La mia eperienza mi dice tuttavia che con sono troppi non blogger che fanno i blogger

    RispondiElimina
  4. Verissimo Ferruccio :D ! Pensare che "taluni" li ho persino aiutati, me tapino. :(

    Cmq con uno ho provveduto facendo cancellare l'intervista sul suo blog aziendale da 4 soldi, l'altro si racconta da solo, temo...

    RispondiElimina

Posta un commento