Agosto blog mio non ti conosco, ormai lo dicono tutti che NOIA!

content marketing blog blogging blogger
La vera strategia di content marketing efficace d'Agosto è non avere una strategia.

Ad Agosto saltano anche i legami più solidi, mentre la colonnina di mercurio si impenna non si può dire certo la stessa cosa per la voglia di scrivere sui blog, nessuno vuole finire appiccicato ad una seggiola o peggio sciolto davanti al PC.

Eppure gli uomini sono una razza proprio strana, fanno promesse assurde che poi non mantengono, accettano unioni improbabili e stringono legami contro natura giusto per il gusto di sfidare la sorte.

Dev'essere a causa di una forma di follia che li contagia, sarà un virus, chissà...

La specie dei blogger è ancora più folle dei folli, basta pensare a me che per anni ho propagandato che il blogging non dorme mai, mentre il content marketing soffre di insonnia cronica e che tenere il blog aperto è una chance irrinunciabile per catturare nuovi lead in un momento noto per la mancanza di concorrenza.

Cosicché mentre gli altri vanno in vacanza io sono a lavorare... ..dov'è tutta questa furbizia ancora lo devo capire.

"D'altronde con il blog si crea un sodalizio profondo, lo si cura come un figlio temendo sempre di aver fatto troppo ed allo stesso tempo mai abbastanza."


Beata ipocrisia, benvenuti geni del digital marketing


Strategia oramai nota da tempo quella di lavorare di Agosto, millantata anche dai grandi guru di settore, ovviamente a tempo debito, sia mai che non pensino per poi parlare solo in funzione di ciò che desiderate sentirvi dire.

Poi c'è chi lo fa ma non lo dice all'italiana per intendersi e poi alza il pugno al cielo al grido dello slogan no free jobs, patetici pur di presidiare una SERP venderebbero la madre al primo gruppo di Talebani che passa.


Per la cronaca quando anni fa proposi la medesima cosa con un titolo evocativo, il content marketing non dorme mai ebbene all'epoca sappiate che mi costò il licenziamento oltre ad un par di offese mica da ridere.

Ecco cosa scrissi a testimonianza di ciò sul mio blog nel 2016 sul rapporto ferie/chiusura blog di Agosto.

Tuonava in sottofondo un: "Come ti sei permesso mai a scrivere tutto ciò senza nemmeno consultarmi?

Così facendo ledi l'immagine dell'agenzia, perché io chiudo, stanne pure certo!

Le ferie sono sacre, bisogna staccare anche chi lavora nel web deve riposarsi, punto e basta, ti è chiaro adesso, capito?"


Non c'è lavoro, c'è la crisi


Mica ho detto che lo devi fare tu, analfabeta funzionale che non sei altro ma pagare casomai qualcuno disposto a farlo che magari è già andato in ferie e si presta al turnover.

Altrimenti come fare per il Natale, la Pasqua e tutte le feste comandate?

Mica puoi spremerlo come un limone e farlo ricoverare sto povero copyblogger per esaurimento nervoso.

Non sostenevo certo il contrario, era solo comunicazione ma anche marketing per dare maggiore lustro all'agenzia non certo per sortire l'effetto opposto deprecandola, figuriamoci.

Eppoi se sono noto per qualcosa è che non lascio mai niente al suo inesorabile destino ne tantomeno al caso, tranne le cause perse oramai ma solo per evidenti ragioni di natura anagrafica.

Oggi fare blogging d'Agosto è la regola, il nuovo mantra del content marketing strategico che magari assume solo connotati differenti da parte di certi specialisti che ne promuovono l'attività, tipo argomentare sul perché i contenuti non vanno mai in ferie e disquisire con l'apporto di un prezioso ospite quanto sia proficuo per fare business pubblicare contenuti durante i periodi di festa ma il 'messaggio' rimane lo stesso solo in salsa diversa.

Perciò che mi invento quest'anno come strategia di content marketing?

Beh in controtendenza sapete che vi dico?


Tu vuò fa' l'originale ma sei nato in Italy


Mi sta accarezzando l'idea di riposarmi, staccare e non lavorare affatto.

Una soluzione brillante, non trovate?

In barba alla SEO, gli pseudo colleghi, il Malox, le SERP, gli ansiolitici rimarcati da Aranzulla e perché no persino al content marketing così profondamente ingiusto che tanto vuole ed in cambio così poco da.

Per gli stacanovisti, che dire, vi sono vicino consapevole che l'effetto solidarietà fa breccia quasi sempre nella vostra volontà di blogger costituita da adamantio ribadisco che vi ho nel cuore ma vado in ferie, amabilmente ovviamente, sia mai.

Infine voglio dedicare due righe ai collaboratori che soffrono della sindrome contraria che li porta a conoscere solo il mese di Agosto per proporre puntualmente ingaggi, ma che problemi avete?


CONCLUSIONI

Oggi vi ho raccontato un'altra storia, c'è chi griderebbe subito allo storytelling scadente altri al content marketing di dubbia qualità io invece preferisco richiamare in voi lo spirito critico quello in grado di discernere la differenza tra realtà e finzione e attribuire i giusti valori al significato, nella speranza di renderlo più ipertrofico possibile.

Insomma vi esorto a sperimentare, di orientarvi al nuovo ad innovare ad anticipare così le tendenze senza temere di fallire perché quando ne parlano gli altri significa che sono già vecchie, obsolete, strategie bruciate e quindi non fungono più e non affermate come verrebbero dare a credere taluni specialisti affermati altrimenti se le terrebbero per loro se fossero così convinti sulla loro reale efficacia e spendibilità, statene pure certi.

Nessuno regala niente ne svela alcunché di nuovo specie se utile al proprio business, magari in questa era del web esiste la spettacolarizzazione, la creazione di un mito, di un personaggio tolto qualche reale pezzo da novanta, quello si, eccome se esiste ma non aiuterà il vostro blog a decollare, spiacente ma è la dura verità.

Sarà il frutto della vostra perspicacia/originalità che applicata ai modelli esistenti ne genereranno di altrettanti a volte di successo altri inesorabilmente fallimentari, ma è il blogging ad essere così come la vita e solo un blogger mitomane può credere il contrario.

O quello perfetto, bravo solo lui, er mejo, o fenomeno, esiste e lo trovate all'indirizzo-URL...

Commenti